Gelmini

Ma perché in Italia inseguiamo sempre le mode straniere quanto queste sono già state abbandonate?

Il nuovo sistema di reclutamento dei ricercatori e professori che si sta mettendo a punto in Parlamento prevede di valutare sostanzialmente la carriera di un aspirante ricercatore/professore in termini di indici bibliometrici. Sembra che questo criterio varrà per la maggior parte delle discipline scientifiche (i matematici, più saggi, hanno ottenuto di non essere valutati considerando anche gli indici bibliometrici).

L'Università Italiana è davvero inadeguata?

Mi è capitato fra le mani questo opuscolo redatto da Massimiliano Vaira, docente a Pavia, sulla questione di questi continui proclami che nessuna università italiana è tra le prime 100/200/500 nel mondo.

Ancora una volta si dimostra che spesso certe classifiche globali rispondo più a esigenze locali che quelle globali: insomma dichiaro una cosa di utilità globale per poter avere un tornaconto locale.

Buona lettura!

Ma con che faccia?

Oggi ho letto con un certo fastidio l'intervista al ministro Gelmini pubblicata su "La Repubblica": ammettere dopo un anno che ci sono stati dei tagli e dire che ora è pronta ad ascoltare gli studenti dopo un anno in cui si è sempre sottratta accusandoli di essere manipolati mi suona offensivo oltre modo.
Questo ministro ha sempre ignorato tutte le richieste e proteste rispondendo sempre in modo altezzoso e demagocigo: chi era contro era un comunista o manipolato dai comunisti o dai baroni.

Appelli e delibere circa il DdL 1905

Un'introduzione

Molto sinteticamente, il DdL 1905 rappresenta il disegno di legge dell'attuale governo per la riorganizzazione delle università italiane sia rispetto alla struttura delle stesse sia rispetto alla definizione e reclutamento del personale accademico.

Il 29/07/2010 il DdL, dopo aver superato l'esame della VII commisione permanente del Senato, è stato approvato dal Senato. Ora è all'esame della Camera come Atto 3687.

Il DdL introduce diverse novità e cambiamenti. In prima analisi ci sono delle novità che possono rappresentare delle misure per correggere certe storture dell'attuale sistema e altre che, invece, rappresentano dei cambiamenti molto discutibili che possono nuocere gravemente al futuro della ricerca in Italia.

La Gelmini è diventata ministro del turismo

Il senatore Pdl Giorgio Rosario Costa propone un DDL per far iniziare tutte le scuole non prima del 30 Settembre: serve per aiutare il turismo.

Il ministro Gelmini si dice "molto aperta" alla proposta (che espressione elegante!) perché favorisce il turismo delle famiglie a settembre.

Ma al ministro Gelmini sfugge che prima del turismo c'è l'obbligo dell'istruzione?
I ragazzi dovrebbero stare in aula 200 giorni all'anno. Se iniziano a Ottobre, quando finiscono?
Non a Giugno... perché in quel mese si deve favorire il turismo dei nonni!

La protesta dei ricercatori e la risposta del ministro

Ieri c'è stata la prima manifestazione pubblica della protesta dei ricercatori contro il DDL sulla riorganizzazione dell'università italiana (DDL 1905).

Nonostante la demagogia di certi giornali, i ricercatori universtari non sono contrari a una riforma che tenda a migliorare l'attuale sistema eliminando sprechi o ingessamenti della struttura. Sono contrari a un disegno di legge che prevede solo dei tagli a pioggia su tutti i settori (anche quelli che producono) e che bloccherà per una generazione l'ingresso di nuovi docenti nell'università italiana.

Subscribe to Gelmini