Roberto Posenato's blog

I ricercatori di Verona incontrano gli studenti: come è andata

Oggi c'è stato l'incontro tra i ricercatori e gli studenti come preannunciato nei giorni scorsi.

Il programma non è stato rispettato completamente perché forse si voleva dire troppo. Si è tagliato qualcosa, ma i momenti principali sono stati seguiti e hanno destato interesse.

Grazie a tutti gli studenti che sono venuti anche solo per sapere cosa sono i ricercatori perché hanno dimostrato di avere un interesse che non è solo quello di fare l'esame per il pezzo di carta.

Lettera agli studenti dell'Università di Verona

Il coordinamento dei ricercatori in protesta di Verona, in occasione dell'inizio dell'anno accademico, ha preparato un documento/lettera per gli studenti dell'ateneo in cui si ribadiscono (in modo sintetico e diretto) le motivazioni della protesta contro il DDL Gelmini.

Vi invito leggere la [file:Comunicato dei Ricercatori in mobilitazione agli Studenti e alle loro Famiglie.pdf=lettera] e a diffonderla.

Grazie.

Cosa si intende per "esercitazioni"? Alcune considerazioni sui compiti didattici dei Ricercatori universitari

Giuliana Fiorillo sul sito http://aperinsubria.blogspot.com/2010/09/cosa-si-intende-per-esercitazioni.html analizza cosa si intende per compito didattico per un ricercatore che non intenda svolgere un corso.

Riporto il suo intervento:

Da Venezia

Riporto un appello dei colleghi di Venezia che hanno ben sintetizzato.

Accendiamo una luce nella notte dei ricercatori

 

Sì, è calata la notte sui ricercatori dell’università italiana.

C'è stampa e stampa

In questi giorni la stampa italiana riporta a giorni alterni la questione della riforma dell'Università che il Parlamento sta per approvare.

Ovviamente quasi tutti i giornali ospitano solo la cronaca e nessuna analisi o commento sulla portata della riforma.

Il Rettore di Verona scrive...

Si avvicina l'inizio dell'anno accademico e considerato che il fronte dei ricercatori veronesi che protestano contro il DDL 1905 non arretra, il Rettore dell'Università ha deciso, finalmente, di incontrare, prima, una delegazione il 27/08/2010 e scrivere, poi, una lettera a tutti i ricercatori dell'Università il 07/09/2010 (giorno antecedente all'assemblea dei ricercatori in mobilitazione a Verona).

Ho partecipato l'incontro con il Rettore quale ex-rappresentante in Senato dei ricercatori della Facoltà di Scienze MM FF NN.

A mio giudizio, la sintesi dell'incontro è:

Emendamento al DdL 1905 proposto dal coordinamento ricercatori UNIVR

Venerdì 25 giugno 2010, un ristretto gruppo di ricercatori dell'Università di Verona, in rappresentanza del coordinamento dei ricercatori in protesta contro il DdL 1905, ha incontrato la senatrice Mariapia Garavaglia, componente della VII Commissione permanente del Senato, per illustrarle la situazione difficile createsi all'Università di Verona e per conoscere meglio quale è lo stato e il futuro del DdL.
All'incontro ho partecipato anch'io.

Appelli e delibere circa il DdL 1905

Un'introduzione

Molto sinteticamente, il DdL 1905 rappresenta il disegno di legge dell'attuale governo per la riorganizzazione delle università italiane sia rispetto alla struttura delle stesse sia rispetto alla definizione e reclutamento del personale accademico.

Il 29/07/2010 il DdL, dopo aver superato l'esame della VII commisione permanente del Senato, è stato approvato dal Senato. Ora è all'esame della Camera come Atto 3687.

Il DdL introduce diverse novità e cambiamenti. In prima analisi ci sono delle novità che possono rappresentare delle misure per correggere certe storture dell'attuale sistema e altre che, invece, rappresentano dei cambiamenti molto discutibili che possono nuocere gravemente al futuro della ricerca in Italia.

Nuovi tagli alla scuola e all'università

Il ministro Tremoti ha annunciato una manovra finanziaria di 24 miliardi di € fatta di tagli e sacrifici per la maggioranza dei lavoratori italiani. Fino al 6 maggio 2010 (meno di 20 giorni fa), il presidente Berlusconi sosteneva che i conti dell'azienda Italia sono assolutamente in ordine.

La Gelmini è diventata ministro del turismo

Il senatore Pdl Giorgio Rosario Costa propone un DDL per far iniziare tutte le scuole non prima del 30 Settembre: serve per aiutare il turismo.

Il ministro Gelmini si dice "molto aperta" alla proposta (che espressione elegante!) perché favorisce il turismo delle famiglie a settembre.

Ma al ministro Gelmini sfugge che prima del turismo c'è l'obbligo dell'istruzione?
I ragazzi dovrebbero stare in aula 200 giorni all'anno. Se iniziano a Ottobre, quando finiscono?
Non a Giugno... perché in quel mese si deve favorire il turismo dei nonni!

La protesta dei ricercatori e la risposta del ministro

Ieri c'è stata la prima manifestazione pubblica della protesta dei ricercatori contro il DDL sulla riorganizzazione dell'università italiana (DDL 1905).

Nonostante la demagogia di certi giornali, i ricercatori universtari non sono contrari a una riforma che tenda a migliorare l'attuale sistema eliminando sprechi o ingessamenti della struttura. Sono contrari a un disegno di legge che prevede solo dei tagli a pioggia su tutti i settori (anche quelli che producono) e che bloccherà per una generazione l'ingresso di nuovi docenti nell'università italiana.

Come evitare che Mail.app usi ancora il certificato Thawte revocato

Come ho già raccontato in un intervento precedente (Fine esperianza notaio Thawte), il 16 novembre del 2009 Thawte ha smesso il servizio di emissione e gestione dei certificati digitali personali per il servizio di posta elettronica.
Da quella data quindi chi usava un certificato digitale ha dovuto attivare e usare un nuovo certificato in quanto quello di Thawte risultava revocato.

Un bel libro

Non l'ho mai fatto perché non sono né un esperto né un grande lettore, ma questa volta lo faccio: raccomando un libro perché è un libro che mi ha coinvolto come pochi.

Ieri sera ho letto d'un fiato "Che cosa ti aspetti da me?" di Lorenzo Licalzi. Mi è stato regalato: non conoscevo né l'autore né il libro.

Parla di vecchiaia, di solitudine e di quanto possa essere duro vivere e quanto tutto questo possa essere sopportato con serenità (e non rincoglionimento). Ne parla in modo a me nuovo, senza autocommiserazione, facili sentimentalismi e senza quel nichilismo oramai di moda. Il linguaggio è talvolta duro e poco corretto, ma l'ho trovato attuale, familiare.

Caste, amicizie, università per pochi

In questi due giorni, su La Stampa, sono stati pubblicati due articoli interessanti che aprono un dibattito circa il cattivo andamento delle iscrizioni all'università e quali sono le cause/conseguenze.

Voglio riportare tali articoli anche per una sorta di documentazione storica per il futuro.

Da La Stampa del 08/02/2010:

Il circolo vizioso tra caste e amicizie

Irene Tinagli

Importare RSS di Drupal in Facebook: quando un warning diventa un errore

Qualche tempo fa mi è saltato in mente di voler importare questo blog nella mia pagina personale di Facebook (FB) in modo da sperimentare la commistione tra blog personale e pagina personale su FB. L'idea non mi sembrava così strana anche perché avevo visto che su FB esisteva la funzione di importazione blog via RSS feed. Visto che il mio blog è già accessibile via RSS feed 2.0, ho pensato che la cosa doveva essere veramente semplice!

Niente di più sbagliato!

Pages

Subscribe to RSS - Roberto Posenato's blog